Come funziona?

Come funziona il vetro autopulente?

Il segreto di Pilkington Activ™ è il suo rivestimento speciale che funziona in due fasi:

Decomposizione dello sporco organico
Grazie ad un processo “fotocatalitico” il rivestimento reagisce ai raggi ultravioletti della luce naturale, decomponendo e sciogliendo lo sporco organico.

Rimozione dello sporco
La seconda fase del processo ha luogo quando pioggia o acqua colpiscono il vetro. Poiché Pilkington Activ™ è “idrofilo”, l’acqua, invece di formare goccioline, si spande uniformemente sulla superficie del vetro e scivola via portando con sé le particelle di sporco. A differenza di quanto avviene con i vetri tradizionali, l’acqua si asciuga molto velocemente e non lascia macchie.

Per poter lavorare al meglio è necessario che siano rispettate delle condizioni al contorno ben definite.

Il vetro autopulente deve essere esposto alla radiazione solare e deve essere accessibile alle precipitazioni piovose, condizioni necessarie per l’attivazione del particolare rivestimento. 

In caso di pioggia insufficiente, è possibile pulirlo facilmente mediante un semplice getto d’acqua o passando un panno morbido ed acqua saponata tiepida. 

Inoltre, per le coperture vetrata, si raccomanda una pendenza minima di applicazione di circa il 10%, sebbene la prestazione migliore si raggiunga con una pendenza superiore al 20%; questo per consentire il deflusso delle acque piovane e la conseguente eliminazione della sporcizia depositata. L’inclinazione minima ottimale dipende comunque dal grado di piovosità della zona e dal tipo di inquinamento presente.