Materie prime, processo e controlli, gli elementi chiave per un vetro di qualità

Notizie
15 ott 2018
Secondo di un ciclo di appuntamenti per conoscere la squadra operativa di Pilkington Italia: Intervista con Maurizio Pesce, Claims Manager e Manufacturing Support

Materie Prime e controlli

Maurizio Pesce vanta una conoscenza poliedrica e versatile del settore del vetro piano, maturata grazie a numerose esperienze nei diversi rami aziendali, dalla linea di produzione al controllo qualità. 

Oggi è responsabile del Servizio Reclami di Pilkington Italia, con sede a Venezia. 

Sig. Pesce, come riuscite a garantire la qualità del vostro vetro? 

La lavorazione del vetro deriva da un processo industriale dalle dimensioni sconvolgenti, dove ogni fase richiede un continuo impegno e un’elevata attenzione per poter ottenere un prodotto dalla qualità superiore. Tutto questo avviene seguendo la politica del gruppo NSG, che quotidianamente investe sulla sicurezza dei lavoratori e sulla qualità del prodotto. 

Quale valore riveste il 2018 per lo stabilimento di Porto Marghera?

Dopo la fondamentale riaccensione del forno, questo è il primo anno in cui vi si è prodotto il vetro extrachiaro a ridotto tenore di ferro Pilkington Optiwhite™, uno dei vetri che gode del maggiore riconoscimento da parte di architetti e vetrai all’interno della vasta gamma Pilkington. 

Quali operazioni si sono rese necessarie per la sua produzione? Quali controlli e strategie devono essere attuati? 

Il vetro extrachiaro è un prodotto meraviglioso, la cui produzione, di maggiore complessità rispetto al vetro chiaro, ha richiesto importanti interventi strutturali sulla conformazione del forno e per la realizzazione di un nuovo impianto volto all’abbattimento degli NOx, oltre ad esigere costanti attenzioni nella gestione della produzione. Per raggiungere la trasparenza e la neutralità caratteristiche, sicuramente sono essenziali materie prime speciali da cave selezionate, ma anche il controllo della logistica e una sapiente gestione del processo. Oltre ad un metodico controllo degli aspetti ambientali, è fondamentale prestare un occhio di riguardo agli aspetti termodinamici e cinetici che regolano la formatura del vetro. 

Infine, con l’obiettivo di centrare il punto colore e garantire così la continuità di colorazione richiesta ed apprezzata dai nostri clienti, vengono attuati un monitoraggio in continuo del processo e controlli qualitativi specifici sul vetro in laboratorio. 

Ci fa qualche esempio?

Certo: ogni ora attuiamo un controllo di qualità dei principali parametri qualitativi del prodotto, come spessore, dimensione, squadratura e assenza di microdifettosità, ed effettuiamo i controlli di tutti i parametri ottici, come distorsioni, strie e corrugazioni; inoltre, ogni sei ore eseguiamo analisi chimiche in laboratorio per garantire la costanza del punto colore e di tutte le caratteristiche spettofotometriche richieste dai nostri clienti. A questi controlli si somma il monitoraggio in continuo compiuto da uno scanner di ultima generazione e straordinaria precisione, per rilevare eventuali difettosità puntuali e procedere alla selezione del materiale idoneo. Questo scanner è l’orgoglio dei nostri tecnici. 

Lo dice con gli occhi che brillano!

Con questo scanner, installato in linea, riusciamo a garantire al cliente la qualità che desidera, in modo da potergli assicurare, dietro specifica richiesta a monte della produzione, lo standard qualitativo idoneo ad esigenze specifiche o ad applicazioni di particolare pregio. Lo scanner, a sua volta, è quotidianamente verificato e controllato, ed in caso tarato, per essere certi della sua affidabilità. 

Dunque svolgete numerosi controlli sugli aspetti ottico-qualitativi del vetro...

Ma non solo. Riveste primaria importanza anche il controllo di parametri che influiscono sulla lavorabilità del vetro: attraverso sofisticati sensori sul nastro vetroso e grazie al controllo continuo da parte degli operatori, siamo in grado di agire sulle tensioni superficiali rilevate dalla strumentazione, così da garantire soltanto valori di sforzo che garantiscano la facilità al taglio e nelle lavorazioni, quali tempra e stratifica. 

La qualità è una questione veramente seria.

Di più, la qualità è vitale! Solo così siamo certi di raggiungere la piena soddisfazione del cliente, consapevoli e desiderosi di migliorarci costantemente.